MRV Marittimo

Sostenibilità

L'Unione europea sta seguendo un approccio globale per ridurre le emissioni di gas a effetto serra provenienti dal trasporto internazionale.

Come primo passo, le grandi navi che utilizzano i porti dell'UE (oltre a Norvegia e Islanda) saranno soggette all’obbligo di monitorare e comunicare le loro emissioni annuali verificate a partire dal 2018.

Il regolamento UE 2015/757  ha introdotto l’obbligo per le navi di stazza lorda superiore a 5.000 tonnellate di effettuare il monitoraggio delle emissioni di CO2 rilasciate durante le tratte effettuate dal loro ultimo porto di scalo verso un porto di scalo UE e da un porto UE al successivo porto di scalo.


A quali navi si applica?

L’obbligo si applica sia alle navi passeggeri sia alle navi cargo che transitano anche una sola volta nell’anno in un porto UE.

Per ogni nave dovrà essere predisposto un piano di monitoraggio, che servirà da guida per il monitoraggio annuale delle relative emissioni di CO2.

Tale obbligo ricade sulla «società», definita dal Reg. 2015/757 come “l'armatore della nave o qualsiasi altra organizzazione o persona, quali il gestore oppure il noleggiatore a scafo nudo, che ha assunto dall'armatore la responsabilità dell'esercizio della nave”.

Obblighi e scadenze

Le scadenze previste dal Regolamento 2015/757 sono le seguenti:

  • 31/08/2017: termine per l’invio dei piani di monitoraggio ai verificatori accreditati per la successiva approvazione. Il piano di monitoraggio è costituito da una documentazione completa e trasparente del metodo di monitoraggio e delle procedure da applicare per ciascuna nave;
  • 01/01/2018: inizio del primo periodo di monitoraggio, che si concluderà il 31/12/2018. Per ogni nave dovranno essere monitorati il consumo di carburante e altri parametri, come la distanza, il tempo in mare e il carico trasportato, in modo da determinare l'efficienza energetica media delle navi;
  • 30/04/2019: termine ultimo per l’invio del primo report di monitoraggio per ogni nave; la scadenza sarà la stessa per gli anni seguenti.
  • Dal 2019 entro il 30 giugno di ogni anno ogni nave dovrà disporre di un documento di conformità al Reg 2015/757. Tale obbligo potrebbe essere soggetto a ispezioni da parte delle autorità degli Stati membri.

Cosa offriamo?

  • Assistere l’armatore nella predisposizione dei piani di monitoraggio per le navi
  • Assistere nel successivo monitoraggio annuale