Pubblicato il Decreto legislativo 51 del 21 marzo 2017

A maggio 2017 è stato pubblicato il Decreto legislativo 51 del 21/03/2017 che recepisce la direttiva UE 2015/1513.

Tra le principali novità si segnalano:

  • introduzione dell’obiettivo dello 0,5% di biocarburanti avanzati a partire dal 2020 (derivanti ad esempio da alghe, biomassa da rifiuti, paglia, concime animale e fanghi di depurazione, vinacce e fecce di vino, pule, tutoli di mais, residui dell’attività forestale).
  • Modifica della lista di sottoprodotti che portano al double counting
  • Modificato il valore di GHG saving:
    • a) 60% per i biocarburanti prodotti negli impianti operativi  a partire dal 5 ottobre 2015;
    • b) 35% fino al 31 dicembre 2017 e ad almeno il 50% a partire dal 1° gennaio 2018, per gli impianti operativi al 5 ottobre 2015  o  in precedenza.
  • Chiarimenti sul bilancio di massa: “deve avvenire all’interno di un unico luogo geografico precisamente delimitato, come un serbatoio, un sito o un impianto logistico o di trattamento, la cui responsabilità o gestione sia riferibile ad un unico soggetto”
  • Introdotto l’iLUC (indirect land use change), inserendo le emissioni stimate provvisorie prodotte dai biocarburanti associate al cambiamento indiretto della destinazione dei terreni

Torna indietro

Ultimi post

Biometano: nuovi incentivi e agevolazioni

Con l’entrata in vigore del DM 2 marzo 2018, sono stati introdotti incentivi e agevolazioni per la produzione di biometano, biometano avanzato e biocarburanti avanzati diversi dal biometano, da impiegare nel settore dei trasporti

 

Leggi di più

Pubblicata la nuova direttiva RED II sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili

Pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea la (revisionata) DIRETTIVA (UE) 2018/2001 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO dell'11 dicembre 2018 sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili (REDII).

Leggi di più

Carbon Footprint di Prodotto: pubblicata la nuova ISO

Pubblicato lo standard sulla Carbon Footprint di Prodotto (CFP), la ISO 14067:2018  “Greenhouse gases — Carbon footprint of products — Requirements and guidelines for quantification”, che sostituisce la Specifica Tecnica del 2014.

Leggi di più